venerdì 30 ottobre 2015

Halloween: libri e castagne

Leggendo qua e là, parlando con la gente e uscendo, ho scoperto che l'autunno è una stagione molto amata. C'è chi lo apprezza perché la pioggia e i primi freddi costringono a un acciambellamento forzato nel divano con conseguente tè e lettura e c'è chi lo fa solo perché infastidito dalla calura estiva/primaverile. Visto che questo è un blog che ha la tendenza a parlare di lettura e scrittura (eh eh) pensavo di soffermarmi sui primi, in relazione ai quali mi sono venute delle domande a cui ho dato delle parziali risposte.
In particolare, mi sono concentrata sulle possibili letture autunnali. Nell'estate appena finita (sigh) avevo letto un libro decisamente molto interessante per il quale avevo scritto anche un lungo post con l'intenzione di diffondere cotal bellezza. Il problema è che in quel periodo stavo litigando di brutto con Blogger e questo portò a cancellare l'articolo in un piccolo puff, tipo quello dei cartoni animati. Questo puff impedì alla suddetta di raccontarvi Il genio e il golem, un libro dagli elementi fantastici ma vicino alla narrativa non di genere, così tanto da portare a perdere di vista che i due protagonisti sono degli esseri non umani. Mi era piaciuto perché raccontava una storia interessante in un ambiente classico che non mi sarei mai immaginata di trovare. Era un gran caldo fuori, e mentre scorrevo con il dito sul Kindle pensavo che avevo scelto il libro più sbagliato per quella stagione. Il genio e il golem (cliccando sul titolo trovate la scheda del libro) è un testo autunnale da accompagnare a una calda bevanda e, se possibile, a un bel gattone arrotolato vicino che tiene compagnia. Non al gelato, come ho fatto io.
In questa cornice stagionale in cui i colori sono un'indubbia dimostrazione di quanto possa essere magico questo periodo, si celebra una festa che mi ha sempre affascinato. Non certo per le strade invase da festanti gnomi che abbigliati da mostriciattoli/streghette/diavoletti suonano il campanello di Nonne Papere nostrane gridando "dolcetto o scherzetto?" con conseguente "Cheeee? Chiiiiii?" Quando successe a me, colta del tutto impreparata, l'unica cosa che avevo da offrire erano Pocket Coffee e Mon Chérie. Al tempo pensai che riempire le loro colorate borsette di caffè e liquori non fosse la cosa migliore, così, imbarazzata per la palese imperizia, chiusi la porta profondendomi in mille scuse. 


Halloween, per gli appassionati di storia e leggende, racconta però molto altro. Tanto per cominciare, racconta una tradizione lontana da noi, ma nemmeno così lontana, che ha origine nella terre dei celti in cui le vecchie tradizioni, come spesso succede, si sono unite alle nuove originando feste religiose.
Un altro valido motivo per cui riesce a stregare me è che i personaggi che per tanto tempo mi hanno abbindolata con le loro storie, e cioè streghe, maghi, mostri e vampiri, sono tutti collegati a questo passato che si è poi trasformato in molto altro.
Quando ero una ventenne mi divertivo a fare la zucca e a preparare i semi in forno, immergendomi in letture adeguate all'atmosfera magica e tetra di quei giorni. Oggi, da trentenne, mi limito a pensare che Halloween ha una storia molto più interessante di ciò che vediamo nei negozi e nelle pasticcerie. 
Sempre da trentenne, l'idea di comprare una zucca per svuotarla e farne una faccia mi fa storcere il naso, soprattutto perché non mi piace e dovrei buttare tutto il contenuto. Per fortuna è tempo di castagne, e qui in Toscana le mangiamo come dessert, come spuntino, usiamo la loro deliziosa farina per farne dolci, polente, e ci creiamo marmellate per tutto l'autunno, quindi credo proprio che ne infilerò una montagna in forno e che le offrirò ai festanti gnomi, deludendoli perché sono poco zuccherose e perché la quantità è quasi nulla (non sono così disposta a condivederle).
Venendo al dunque, armandoci di tè/castagne/semi di zucca, ho pensato di segnalarvi i libri che secondo me sono giusti per questo periodo: 
- Harry Potter, tutta la saga, J. K. Rowling
- Carmilla, Sheridan Le Fanu
- Dracula, Bram Stoker
- La contessa nera, Rebecca Johns
- Il discepolo, Elisabeth Kostova
- Il monaco, Matthew Gregory Lewis


Halloween: lo odiate, lo amate o vi è del tutto indifferente? Leggete qualcosa di particolare in questo periodo? Avete letto qualcuno di questi libri? Ne consigliate altri?

M. 

19 commenti:

  1. Amo la Saga di Harry Potter che ho conosciuto ben prima del successo planetario, Carmilla è un must del genere horror. L'autunno è la mia stagione preferita da qualche tempo: adoro il foliage, mi piace proprio guardarmi in giro e ammirare i colori degli alberi, se non piove troppo non fa ancora troppo freddo e si può andare in giro, sì, senza la calura che, almeno quest'anno è stata eccessiva e senza l'aria condizionata dei soliti fanatici. Amo stare in casa, certo, le prime cioccolate, le CASTAGNE!!! non ho però letture stagionali, quelle non le ho mai avute, leggo le stesse cose sotto l'ombrellone e sotto l'albero di Natale. Baci Sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. "Carmilla", che ho scoperto solo negli ultimi anni, è il miglior horror vecchio stile che io abbia letto. Se ti capita e ti interessa il genere, anche gli altri meritano. :)

      Elimina
  2. Io amo l’autunno soprattutto per le castagne che mi piacciono molto anche se, a dire il vero, cerco di non abusarne per motivi di dieta.
    E poi amo il tè con i biscotti e la cioccolata calda.
    Non ho letto nessuno dei libri che hai citato anche se sono attratta da Dracula di Bram Stoker, anche perché ho visto tutti i film e le serie sul genere, quindi dovrei colmare questa lacuna letteraria …
    Halloween non mi entusiasma però una volta a Carnevale mi sono vestita da vampira tanto per restare in tema ;-)
    Adesso sto quasi per finire il libro di Saviano Zero Zero Zero (è lunghissimo e impegnativo) e ho appena iniziato Appunti di un venditore di donne di Giorgio Faletti (comprato già da un po’), poi pensavo a un certo supereroe...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh! *_* Spero tanto che ti piaccia!

      Io fossi in te colmerei la lacuna con tutti quelli citati. Proprio belli. :)

      Elimina
  3. Niente da fare, io sono per i colori brillanti della primavera, l'autunno non mi entusiasma (nemmeno Harry Potter e la narrativa horror, a dirla tutta!); però adoro le castagne, sì, ne mangerei a chili se non fosse che mi fanno male!
    Halloween è solo una scusa per una notte di baldoria, è una festa che non ci appartiene; preferisco festeggiare tutti i santi e le anime dei defunti: questi sono i giorni che dovremmo dedicare soltanto a loro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai provato il Castagnaccio, il dolce alle castagne che facciamo in Toscana? Troppo buono! :)

      Elimina
    2. Lo faceva mio nonno: buonissimo!!
      (Me ne hai fatto venire voglia: meno male che non sono incinta!) :D

      Elimina
  4. Ottime letture, direi che sono perfette per questo Novembre che si preannuncia triste e bieco come ogni Novembre che si rispetti :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quanto manca ad aprile? :D

      Elimina
    2. Meglio non pensarci. Adesso intanto ci aspettano due mesi di bombardamenti pre-natalizi...

      Elimina
  5. Lo Halloween delle streghette mi dice meno di nulla, ma Samhain è tutta un'altra cosa. Tra l'altro (piccola curiosità) ho scoperto giusto oggi che si pronuncia più o meno "sauin". Gaelico, mi sembra giusto. Secondo te "Intervista con il vampiro" potrebbe piacermi, o si sentono tutti i suoi anni? (In pratica ti chiedo i numeri del lotto. :) )

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questo commento è stato eliminato dall'autore.

      Elimina
    2. Dimenticavo: adoro l'alternarsi delle stagioni, quindi anche l'autunno e l'inverno eccetera. Magari faccio la muffa, ma mi rifiuto di definire una giornata piovosa "una brutta giornata". In casa, poi, con la mia tazzona e la mia cagnona (e gli altri), ci sto benissimo. :)

      Elimina
    3. Ah, il gaelico. Ah, i celti. Hai colpito nel segno! :)
      "Intervista col vampiro" ha un fascino intramontabile, ma è anche vero che se ti piace il genere e hai letto, come me, altri millemila libri sul tema, potrebbe essere un po'... tramontato. ;)

      Elimina
    4. Millemila? No, solo la saga di Twilight. Vado di biblioteca, tanto per non correre rischi. :)

      Elimina
    5. ...e il Dracula di Bram Stoker, giusto. Stupendo.

      Elimina
    6. E Carmilla! Merita. :)

      Elimina
  6. Halloween per me è uguale a Lucca Comics!
    A parte questo, è la seconda segnalazione positiva che mi arriva de "Il genio e il golem", quindi se mi capita sotto mano...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ah, Lucca Comics e Halloween. Bella accoppiata! :)
      "Il genio e il golem" è proprio adatto a questo periodo.

      Elimina