lunedì 5 dicembre 2016

Booktag "Unpopular opinions"

Ci sono post che scrivo in momenti non sospetti e che poi lascio lì a poltrire e/o marinare perché non so quando pubblicarli. Quello che state per leggere è uno di questi.

Se siete su Goodreads vi sarete sicuramente accorti che i miei rating non scendono mai sotto le tre stelline. Dare un voto negativo a un libro è molto difficile, per me. Succede, come a tutti, di trovare storie che non mi colpiscono, che trovo troppo - noiose, melense, arzigogolate, dilungate, semplici, etc. -, che non capisco perché siano così popolari e via dicendo, ma siccome sono io stessa un'autrice e so quanto fa male, evito di lasciare stelline e recensioni di libri che non fanno per me. Riconosco quanto sia giusto che il lettore esprima la sua opinione su ciò che ha letto anche se non gli piace, è un diritto sacrosanto che soppianta del tutto le emozioni che prova l'autore, solo che preferisco non farlo.
Ma quando ho scovato questo nel web... ho ceduto. Per una volta sarò cattivella anch'io. Vi presento il booktag: Unpopular opinions, visto mesi fa - sì, sono molto reattiva - sul blog La nostra passione non muore ma cambia colore.

1. Un libro o una serie popolare che non ti è piaciuto/a:
La saga di Anita Blake di Laurell K. Hamilton. Penso che i libri di questa serie siano arrivati a quota 22. Non credo ci sia bisogno di dirvi perché ho smesso, è evidente che sono troppi. La verità è che ho perso interesse strada facendo, quando la protagonista ha iniziato a saltare da un uomo all'altro - come sono stata educata nel dirlo - adducendo come scusa i legami animaleschi/di sangue. Era una bella storia, comunque, e per anni mi ha attirata come un magnete. 


2. Un libro o una serie che tutti sembrano odiare ma che tu ami
Non credo esista una serie che mi piace e che gli altri odiano. Al massimo ci sono libri e/o saghe che non sono conosciuti/e o che non hanno fatto innamorare il mondo. Ultimamente ho scoperto che L'eleganza del riccio non ha colpito così tante persone mentre a me è piaciuto tantissimo. Averlo letto in lingua originale potrebbe essere stato d'aiuto.


3. Un triangolo d'amore in cui il protagonista si è trovato con una persona con la quale non volevi finisse insieme o un OTP che non ti piace
I triangoli amorosi hanno il potere di snervarmi un po'. Tutti. Se devo sceglierne uno, però, opto per Hunger Games, anche se mi rendo conto che la mia opinione è deviata dalla resa cinematografica, dal fatto che Katniss e Gale siano due dèi dell'Olimpo mentre Peeta è una persona normale, tra l'altro resa in modo discutibile visto che sembra un pochino tonto.
Ah, non sapevo cosa fosse un OTP, sono dovuta andare a cercarlo. 


4. Un genere popolare di libri che tu difficilmente cerchi

Gialli, horror ed erotici. 

5. Un popolare o amato personaggio che tu proprio non ami
Grenouille de Il profumo, di Patrick Süskind. L'ho letto a 16 anni e sono rimasta così male che mi sono buttata su Piccole donne per ritrovare la serenità. Non so che problema abbiamo, io e lui, ma non siamo proprio andati d'accordo. 


6. Un autore al quale sembra che tu non riesca ad appassionarti
Margaret Mazzantini. Ho letto Non ti muovere e... non sono sicura di averlo finito. Se l'ho fatto, ho saltato qualcosa in mezzo perché non me lo ricordo. So con certezza, però, che non ha toccato nessuna corda.  

7. Un particolare cliché letterario che sei stufa di vedere
Lei vergine - a 22 anni, una belloccia da paura? Mmm. -, santa, immacolata. Vede lui, il bello che trasuda anche se stesso, oltre che sensualità, che la fa diventare una dea del sesso che nemmeno la diva porno più quotata del momento.

8. Una serie popolare che non hai interesse nel leggere
Il ciclo della Casa della Notte di P.C. e Kristin Cast. Sono 12 libri. Mi sono fermata al quarto. Mi ci è voluto un po' per capire che parlava poco o niente di vampiri. 


9. Il detto dice "il libro è meglio del film" ma quale film o serie tv è meglio del libro? 
The 100, senza dubbio. Il libro mi piace ma non credo che avrei letto il secondo della saga se non mi fossi innamorata dei personaggi della serie tv. Per chi si fosse collegato da poco: io adoro questo telefilm. Lo adoro. A tal proposito, non vedo l'ora che esca la quarta stagione. Se volete saperne di più, ne ho parlato un sacco qui, qui, qui e qui


Sono stata troppo cattiva? Mi sento un po' in colpa. Uhm.

Ovviamente sono curiosissima di conoscere i vostri libri/autori no, quindi, se vi va, fatemelo sapere nei commenti o lasciatemi il link del vostro Booktag!

M.  

13 commenti:

  1. Nooo, non sei stata troppo cattiva! ^^ Curioso però che hai inserito tutti titoli che per una ragione o l'altra neanche io ho letto o leggerò o non ho apprezzato particolarmente. Tipo la serie della Hamilton, pur avendo i requisiti per piacermi, non credo la comincerò mai. L'eleganza del riccio l'avevo letto tempo fa ma non mi ha colpito per nullaaa Y.Y Del ciclo della Casa della Notte invece lessi il primo, ma non mi ricordo neanche di che parlava, per farti capire che proprio non mi prese xD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Rooosaaa! Oh, meno male! ;)
      La Hamilton all'inizio mi piaceva molto, ma da quando ai vampiri, agli zombi e ai licantropi si sono aggiunte creature come i topi e i leopardi mannari in pose orgiastiche di tutti i tipi, ho perso interesse. Ne ho letti un sacco, prima di decidere di smettere, ma vedo che Anita, la protagonista, ha sempre un successo strepitoso a distanza di anni!

      Elimina
  2. Ma quale cattiva, fin troppo buona!
    Su tre risposte che hai dato abbiamo segni opposti: uno dei miei libri preferiti in assoluto è proprio Il profumo di Suskind, Non ti muovere a me è piaciuto, L'eleganza del riccio NO.
    Però ci possiamo stringere la mano su giallo, horror ed erotico. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io e te sui libri siamo ai due lati del ring! :D
      Però con la musica siamo sulla stessa onda. :*

      Elimina
  3. Ma cattiva neanche un po', in ogni caso anch'io non metto mai meno di tre stelline, anche perché se un libro non mi è piaciuto preferisco non recensirlo... per le stesse tue ragioni, visto che scrivo e so quanto si soffre.
    ehm dei libri da te citati non ne ho letto nessun però la serie The 100 mi piace molto in tv anche se ho perso qualche puntata. I libri con il cliché del tuo punto sette mi trova d'accordissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho scoperto che sul punto sette siamo d'accordo in diversi! :)
      Per "The 100" la serie tv è decisamente più bella. Non c'è paragone con il libro. ;)

      Elimina
  4. Dei libri che hai citato ho letto "L'eleganza del riccio", però anch'io faccio parte della schiera di coloro che non l'hanno molto apprezzato! La Mazzantini mi incuriosisce: ho letto diversi pareri su di lei e per questo mi piacerebbe leggere qualcosa di suo... anch'io non sono appassionata di horror ed erotici e non amo il clichè che hai citato ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siamo sempre di più sul punto n.7, dà da pensare. ;)
      Quanto alla Mazzantini, potrebbe anche essere che ho letto il libro sbagliato. Di "Venuto al mondo" ho sentito parlare veramente bene. Prova! :)

      Elimina
  5. Ciao Monica! Grazie mille per avermi citato!
    Ecco i miei pareri:
    1) Hai assolutamente ragione sul cliché alla "50 sfumature", è davvero insopportabile!
    2) Non sono mai stata una grande fan di Gale... preferisco Peeta con Katniss :-)
    3) Mi hanno parlato bene di The 100 ma non è il mio genere!
    4) Anche a me è piaciuto L'eleganza del riccio.

    Credo che sia tutto :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Prego Silvia! Il tag era davvero carino! ;)

      I fratelli Hemsworth (uno è Gale, l'altro è Thor) sbaragliano un po’ tutti, dal mio punto di vista, dunque tra Gale e Peeta... non riesco proprio a tifare per il secondo. :D

      Elimina
  6. Citerò "L'eleganza del riccio" ricordando quanto l'ho amato e come sia certa che lo rileggerò. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh, bene, qualcuno a cui è piaciuto c’è. È proprio bello. :)

      Elimina