lunedì 6 giugno 2016

Curiosità su... È qui che volevo stare #1


Sono a casa con la febbre. Dopo tutti i ragionamenti sul fine settimana - mare, non mare, tempo bello, tempo brutto, leggo, che leggo? - ho finito per passare questi giorni di vacanza alternando tra il divano e il letto, con il termometro a portata di mano e la tentazione di lanciarmi in qualche danza rituale - braccia e gambe che si muovono scoordinate, capelli che volteggiano nell'aria - affinché la temperatura scendesse sotto i 39.5. Sigh.
 
Sono passati due mesi dalla pubblicazione di È qui che volevo stare e ora che le acque si sono calmate - intendo dire ora che IO mi sono calmata - mi sembra naturale raccontare com'è andata. Mentre con La Storia e Il Romance distopico vi rendo partecipi - qualche volta - di come procede il progetto, di come si muovono i personaggi e di come mi muovo io, per la storia di Sofia & co, così come per quella di #AngelicaeManuele de Il mio supereroe, ho sempre detto poco durante la stesura. Un po' per un senso di protezione strano, come se, comunicando che stavo scrivendo la loro storia, potessi perdermi e perdere loro. Un po' per scaramanzia. Perché tenere segreta la stesura di un libro mi dava l'idea di una specie di rito apotropaico.
Arrivata a questo punto, ho provato il desiderio di raccontare. E ho pensato di farmi una specie di intervista da sola, di far sì che M. ponesse delle domande a Monica in uno strano sdoppiamento della personalità che da quando ho aperto il blog pare verificarsi spesso. Yeh, yeh. 
E allora, che si aprano le danze!

1) Quando è nato È qui che volevo stare?  
Ho iniziato a scrivere le vicende di questo gruppo di ragazzi più di un anno fa. In realtà, guardando la data di creazione, leggo 23/11/2014 ma posso affermare con certezza che si trattava di frasi lanciate a caso, senza un'idea. La stesura vera è cominciata tra febbraio e marzo. A metà maggio era finita. 

2) Come è nata l'idea?
Io e i miei compagni di classe non abbiamo mai avuto un bel rapporto. Eravamo tanti, troppi - oscillavamo tra i 29 e i 32, di questi, solo una decina erano ragazzi - e non siamo mai riusciti a fare gruppo. Gli unici momenti in cui sembravamo uniti erano i compiti in classe, in particolare quelli di greco e latino. In quelle ore si creava una specie di unione clandestina volta a raggiungere un risultato: prendere almeno un 5. Niente di più.
Il fattore scatenante della storia non sono stati, dunque, i miei ricordi, né la nostalgia. Il fattore scatenante è stata la classe di D. Strano, eh? Quando io e lui ci siamo conosciuti sapevo che frequentava ancora i suoi ex compagni di classe. Non tutti, non spesso, ma almeno una volta all'anno si ritrovavano e da come ne parlava avevo capito che era più che una semplice relazione scolastica. Era più che semplice malinconia. Era amicizia. 
Quando ci siamo sposati, nel 2008, abbiamo deciso di invitare anche loro perché si vedevano sempre più di frequente ed era bella l'idea di renderli partecipi di un momento così importante della nostra vita. E dunque, li ho conosciuti. E ho conosciuto Sab., l'unica ragazza della classe. Oggi è diventata una delle mie più care amiche, oltre che la mia prima lettrice.
Oddio, mi sto perdendo in dettagli. Insomma, li ho conosciuti e sono entrata nel giro, ed entrando nel giro ho scoperto che avevano deciso di tornare a Berlino, luogo dove erano stati in gita all'ultimo anno di superiori, a dieci anni di distanza. Ogni volta lo ripetevano. Ogni volta lo proponevano. Non l'hanno ancora fatto ma la loro idea si era già sedimentata nella mia mente e aveva iniziato a costruire una storia. Tornare in gita a dieci anni di distanza.

3) Perché la Grecia?  
Nonostante tutto, le gite sono state una delle cose più belle della scuola, specialmente quella in Grecia. Ma non ho scelto tale meta per questo. La verità è che avevo bisogno di un posto che sentissi, che mi facesse battere il cuore, che mi provocasse emozioni forti e durature. E avevo anche bisogno di conoscerlo bene. Ho visitato altri paesi europei e in alcuni sono tornata più di una volta - la Germania e la Francia, ad esempio - ma sempre in zone diverse. La Grecia è l'unico posto in cui sono stata tre volte visitando gli stessi luoghi. Potevo aggiungerne uno, eliminarne un altro, ma quelli erano. Sono così innamorata dell'Ellade che mi è parso normale sceglierla come meta. Avrei potuto raccontare cosa mi aveva regalato Atene, cosa mi aveva provocato Micene, quando mi fossi emozionata sulle Meteore. La scelta è stata semplice. E dovuta.

Per il momento mi fermo qui, altrimenti più che un intervista diventa un poema. Ci saranno altri appuntamenti in cui racconterò altre curiosità. 

Pormi queste domande è stato, e sarà, divertente ma lo sarebbe molto di più se foste voi a farmele. Dunque, se vi va, se avete voglia di saperne di più, lasciatemele nei commenti e sarò molto felice di rispondere. Tipo che saltellerò. 
Giusto il tempo di farmi passare la febbre.

M.

19 commenti:

  1. SOLO PER DIRTI GUARISCI PRESTO E W LA GRECIA (lo sai vero che mio marito è 3/4 greco? Ha fatto la prima elementare ad Atene.
    baci SANDRA

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi avevi detto che era 3/4 greco ma non sapevo che avesse iniziato lì la scuola! Che bello! :)
      Grazie mille Sandra. :*

      Elimina
  2. Auguri di pronta guarigione Monica! Dunque per il romanzo trovo molto azzeccata la scelta della Grecia, credo sia fantastica e se potessi ci andrei in vacanza tutti gli anni (ogni anno cambiando isoletta, ce ne sono talmente tante) invece manco dalla Grecia da troppo tempo, sigh...
    Curiosità: ma perché Sofi si sente così tanto gnomo? Svelaci qualcosa della psicologia di questa fatina...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne ha così tante di isole, e tutte così belle, che c'è l'imbarazzo della scelta! :)

      Bella domanda, la segno! ;)

      Elimina
  3. Ciao Monica, ti auguro di guarire presto, la febbre è sempre una gran scocciatura, soprattutto in questo periodo! Molto interessante l'intervista: ho il tuo romanzo nel mio kindle per pc e quando lo leggerò ripenserò alla sua genesi ;-) Non ho mai visto la Grecia, ma posso comprendere la tua passione...

    P.s. sai che a me si abbassa la febbre se saltello per casa? Però non mi sono mai cimentata in danze rituali, magari fanno lo stesso effetto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sul serio? Che spettacolo! Io adesso sono nella fase calante per cui sono finiti i brividi ma faccio fatica anche ad allungare la mano per prendere il telecomando. :D

      Spero tanto che ti piaccia, Ariel! :)

      Elimina
    2. Ciao Monica, spero ti sia ripresa! Volevo dirti che ti ho nominata qui https://langolodiariel.blogspot.it/2016/06/happy-book-tag-il-tag-dei-book.html

      Elimina
    3. Grazie Ariel! Vengo a vedere! :)

      Elimina
  4. Dai, rispondi anche tu all'intervista standard che su Satisfiction fanno a tutti gli autori!

    dove scrivi, quando scrivi, dove cammini quando ti riposi? in quale città o paese è nato il tuo ultimo libro, in che stanza, in che bar? sei mancino\a o destrorso\a? passeggi? in bici, in auto, osservi alberi? scruti cornicioni, affondi lo sguardo nel cielo, segui le onde del suono e dell’acqua? quali sono i rumori della città e quali i silenzi delle vaste campagne? fumi? bevi? quanto pesi? scrivi dopo cena, prima di pranzo? quando? la tua è scrittura di spostamento, di stasi, di spazio, del corpo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. (1)Non avevo idea di cosa fosse Satisfiction così (2) sono andata a cercarlo e ho scoperto che le domande sono davvero queste. Sono certa – più o meno - (3) che non eri serio, quindi posso evitare (4) di svenire di fronte alla quantità di parole interrogative che trovo sopra.
      Non eri serio, giusto? Era una burla. Ti burlavi. Stavi burlandoti. Eh? Eh? :D

      Elimina
    2. Però potresti farci un post-meme :)

      Elimina
    3. Idea interessante. :)

      Elimina
  5. Guarisci presto! E che invidia per la classe di tuo marito!

    RispondiElimina
  6. Monica, la febbre no! Siamo a giugno!
    Ma siamo a giugno?
    Riprenditi, dai e continua a svelarci le curiosità sul tuo libro. Mi piace il metodo auto intervista, mi ricorda i tempi del mio diario personale, quando mi facevo le domande e mi davo le risposte! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oggi è il primo giorno senza febbre, yeh, yeh. ^_^
      Anche tu con gli sdoppiamenti di personalità? Mi sento meno sola. ;)

      Elimina
  7. Che nervi la febbre nel fine settimana, i malesseri, come il maltempo, hanno sempre delle tempistiche subdole. Spero che ora ti sia rimessa!
    Mi piace sbirciare il lato backstage di una produzione artistica, mi piace da sempre con i film, e ora ho constatato che mi piace anche con la narrativa. È incredibile come un evento casuale che ci colpisce possa essere motore di creazione di un intero mondo. L'ispirazione è di per sè così poetica! Ogni mi sento un po' trasognante! XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, sono finalmente uscita dal tunnel termometro-fazzolettini-divano, solo che barcollo... uhm.
      Mi piace molto la modalità trasognante! E hai ragione, basta un niente perché si disegni davanti agli occhi una mappa, una trama, una sceneggiatura. Niente di più bello. :)

      Elimina