venerdì 13 novembre 2015

Tutto il resto

Avevo già fatto presente l'idea che scrivere un libro è solo il primo, piccolissimo passo. Fino a quando scrivevo per me stessa non era così. Scrivere era l'unico passo. Finire una storia, finire un libro, era già un'opera degna di onorificenze di tutti i tipi. Quando riuscii a terminare, dopo circa otto anni di lavoro, l'urban fantasy su cui lavoravo fin da ragazzina, sentii di aver raggiunto un grande risultato. Era solo il primo della saga e mi ci erano voluti anni per terminarlo, ma mi sembrava di aver compiuto un atto eroico. La corona d'alloro non bastava. Volevo la carrozza trainata dalle fatine e la coroncina più bella del reame.
Credo che quel testo non vedrà mai la luce. Povero lui, e poveri tutti quei bei personaggi. Rileggendolo oggi lo trovo, a tratti, un po' noioso. Prima ero molto più attratta dalle descrizioni, a differenza dei tempi attuali per cui leggerne di così lunghe e dettagliate mi fa arricciare il naso, cosa che mi riesce bene visto che ha una punta insolita. Come se non bastasse, storie come la sua erano, e sono state, raccontate da molti in modi eccezionali, per cui oggi mi pare quasi banale, anche se la trama è così complessa da chiedermi come diavolo sono riuscita a pensarla in quel modo. Il primo, quello compiuto, era la storia della madre. Il secondo, scritto a metà, quello della figlia e il terzo sarebbe dovuto essere la degna conclusione di una così lunga avventura pregna di dolore e misteri. Scelsi di inviarlo ad alcune case editrici, le grandi case editrici, e alcune più piccole specializzate nel genere, alla fine del primo. Durante la stesura del secondo, capii che non avrebbe ottenuto ciò che sognavo. 


Chi lo ha letto lo ha trovato bello, intenso e ha anche aspettato il continuo ma io avevo ormai voltato pagina. Non alla scrittura, non al genere, ma a quella storia. Non avevo ancora pensato concretamente al self-publishing e non credevo che lavorare su un libro significasse così tante cose. 
L'ho scoperto un anno fa, con la prima pubblicazione, e poi di nuovo un paio di mesi fa, con la seconda. Da sprovveduta qual ero, pensavo che la storia di un libro, la mia relazione con esso, finisse con la stesura. Al resto ci dovevano pensare gli altri. Alla giusta scelta del titolo, all'editing, alla scrematura. E poi alla pubblicazione. E dopo al marketing e alla promozione. Insomma, mi basavo su un sentito dire che prevedeva un lavoro immane da parte della casa editrice. 
Con l'autopubblicazione si sono aperti scenari nuovi: lavorare su un libro non significa solo scriverlo ma anche, e soprattutto, farlo crescere. Scegliere il titolo, scegliere la copertina, eliminare l'eliminabile, aggiungere ciò che serve. E poi scegliere la piattaforma di pubblicazione, inserirlo, decidere il prezzo, pubblicarlo. E dopo trovare il modo di promuoverlo, di farlo conoscere, di farlo arrivare dove dovrebbe arrivare.
L'ultimo è arrivato insieme a una M. editorialmente cresciuta (dai, ridete tutti insieme a me!), rispetto agli inizi, meno ingenua e più concreta (uhm), ma anche impreparata, immobile di fronte a ciò che non sapeva. Una M. che per evitare di infastidire troppo, dopo le paranoie dei primi due giorni, ha smesso di fare domande ed è stata a vedere come andava (proprio una geniA).
In questo secondo caso, mi sono occupata del prima - scriverlo - e del dopo - promuoverlo - , lasciando la parte centrale agli altri. Scoprire che quasi niente è stato modificato è stata una piacevole sorpresa. Il fatto che il mio prodotto arrivasse ai lettori così come era stato creato, dopo attente analisi, mi sembrava meraviglioso.  E facile. Oh sì, facile. Perché mi toglieva da un sacco di impicci quali dubbi, pensieri, domande, ansie. Aveva eliminato tutta quella parte che con il primo mi era sembrata insormontabile. Perché il lavoro su un libro, volenti o nolenti, prevede:
- un'idea e il suo sviluppo 
- la stesura e la/le sua/sue revisione/i
- l'editing
- la scelta del titolo e della copertina, la creazione della quarta di copertina
- la pubblicazione
- la promozione
- la paranoia. 
Le prime due appartengono solo agli autori e sono la magia più grande. L'ultima forse appartiene un po' a tutti, ed è una perversa ed elettrizzante agonia. Il resto no, o non del tutto. 
Per Il mio supereroe, le uniche cose che non ho seguito per niente sono state l'editing e la pubblicazione. Avevo scelto il titolo prima di inviarlo; la quarta di copertina è stata il risultato di un lavoro combinato e lo stesso vale per l'idea grafica e la promozione. La paranoia, come la stesura, era, ed è, solo mia. 
Ecco, non ne avevo idea. E non so se sia così con tutte le case editrici o solo con alcune. Però è chiaro, chiarissimo, che scriverlo, un libro, è solo il primo passo. Poi c'è tutto il resto.

Voi lo sapevate? 

In attesa che delle fatine steampunk mi trasformino in una principessa/scrittrice strafiga, vi saluto.
  
M.

8 commenti:

  1. Io ho cominciato a capire quello che c'era dietro la pubblicazione di un libro con la pubblicazione del primo ebook. Anche se, avendo commissionato a Narcissus la conversione in Epub e la copertina, non mi ero ben resa conto di alcune cose. Il primo ebook l'avevo scritto e revisionato più volte (anche inviato ad alcune case editrici), dopo la pubblicazione passato il primo momento di euforia ho capito che se non facevo promozione il mio libro sarebbe rimasto sconosciuto ai più. Quando ho "concepito" il secondo libro ho operato in maniera più attenta, potendo potendo fruire della esperienza pregressa. Ho capito che era opportuno non solo fare la revisione ma anche far leggere la mia prima versione a un beta reader, che mi ha dato preziosi consigli. Nel frattempo mi sono occupata di auto-formarmi sulla conversione del file word in ePub e su come creare la copertina. La soddisfazione finale è stata di gran lunga maggiore, ma soprattutto ho potuto fare alcune piccole correzioni e aggiornare il file anche dopo la pubblicazione, cosa che non mi è stata possibile con il primo eBook. Per finire ho creato l'epub del mio primo eBook e ho aggiornato il file con le correzioni che erano rimaste sospese (nessuno stravolgimento, punteggiatura e qualche termine ripetuto). Tutta esperienza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un passo dopo l'altro si impara qualcosa in più. :)

      Elimina
  2. Quando mi sono allegramente buttata nel mondo del self-publishing, ho impiegato lo stesso tempo che mi ci era voluto per scrivere il romanzo: un casino totale! Guide, consigli utili, forum, più non ci capivo un tubo, più mi incaponivo che dovevo riuscirci. Di solito il giochetto funziona sempre: io che non mollo e alla fine vinco la battaglia. Ma ho sudato, imprecato, maledetto ora e giorno in cui avevo voluto fare il passo più lungo della gamba, pensando di essere in grado da sola di gestire un mondo a me totalmente sconosciuto. Eppoi ho partorito l'ebook! Deo gratias!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Visto da fuori sembra tutto più facile, non ti pare? :)

      Elimina
  3. Ho detto tante volte che non ho tempo per il self. E poi vuoi mettere che bello scegliere la copertina insieme ai dei professionisti? Confrontarsi con loro per l'editing? Dover smettere, magari a pubblicazione avvenuta, che sì, quel termine è davvero meglio di quello che si era scritto prima?
    Tra l'altro mi piace molto la copertina del tuo romanzo, in generale mi sembra che Delos Digital sia attenta alle copertine, riconoscibili per collana, ma allo stesso tempo centrate su quel romanzo/racconto specifico.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! :) Anch'io la trovo molto carina!

      Elimina
  4. No che non lo sapevo. Pensavo che, una volta scritto e sistemato per bene il testo, tutto procedesse naturalmente, con un magico tappeto che ti si svolge davanti ai piedi mentre cammini. Bello, no? A pensarci, era un'ingenuità. Staremmo tutti a osannare Dante, Murakami e la Meyer (fantastico metterli insieme!) se fosse così semplice? Le fasi dell'autopubblicazione non le ho affrontate, a parte un po' di autopromozione, ma immagino che portino via tempo e richiedano un bell'impegno. Che meraviglia, per aspera ad astra! :)

    RispondiElimina
  5. Sarebbe bellissimo!

    Eh sì, vedere insieme quei tre è fantastico! :D

    RispondiElimina